INTERVISTE

Il Silenzio Delle Vergini ci raccontano il loro nuovo disco “La Chiave Di Berenice”

Il Silenzio Delle Vergini tornano con il loro quarto album “La Chiave Di Berenice”, un disco di piccole storie di vita quotidiana in cui ritrovarsi.

Il Silenzio Delle Vergini, trio formato da Armando Greco, Cristina Tirella e Marco Costaioli, tornano con La Chiave Di Berenice, in uscita in coproduzione tra I Dischi Del Midollo e (R)esisto. Con questo disco si va alla scoperta del mondo interiore delle persone. Ad ognuno di noi nella vita è capitato almeno una volta di porsi domande, di raccontare storie a noi stessi sulla natura, l’amicizia, la diversità, il viaggio, l’amore. A ognuno di noi è capitato di subire ingiustizie, di perdere qualcuno, di fare nuove conoscenze e chiederci se fidarci o no. “La Chiave Di Berenice” vuole trovare la chiave per esprimere queste sensazioni. Queste dieci canzoni raccontano piccole storie di vita quotidiana nelle quali si analizza lo squarcio interiore che c’è all’interno di ogni protagonista.

Ecco per voi la nostra intervista a Il Silenzio Delle Vergini.

Ciao ragazzi, benvenuti su Distorsioni Sonore!
Partiamo dal disco: come è stato il processo creativo di “La Chiave Di Berenice”?

Il nostro processo creativo è molto lineare, ma nello stesso tempo molto particolare. Partiamo da un giro
chitarra, basso o batteria, incidiamo un provino e poi in studio lo elaboriamo. Guardandolo esternamente
sembrerebbe molto semplice, ma in realtà prevede il più grande sforzo che un artista deve fare: metterci gusto e omogeneità.

I brani sono storie di vita quotidiana, a tratti storie cinematografiche, cosa vi ispira di più?

Ci ispira tutto quello che ha una pennellata o un quadro diverso dal solito. La vita è composta da vari colori, e da varie sfumature. Questo disco è molto compatto e omogeneo: le storie che incontriamo sono molto simili ma, nello stesso tempo, i personaggi che incontriamo sono molto diversi e con emozioni eterogenee.

Il pezzo “Berenice” è un vero e proprio manifesto, super attuale e vero, quanto è difficile raccontare situazioni ed episodi del genere attraverso una canzone?

Berenice parla di violenza, di bullismo e di emarginazione, ma lo fa con leggerezza sonora che rende
il pezzo molto godibile all’ascolto. Berenice vuole superare i suoi demoni e rendersi libera dal passato. È una lottatrice, un’incredibile lottatrice.

Berenice – Il Silenzio Delle Vergini
Cosa ha fatto scattare la scintilla per portare alla luce il disco proprio in questo momento? Cosa lo
differenzia dai vostri lavori precedenti?

La diversità è data dalla compattezza dei suoni, suoni leggeri si accompagnano a testi pesanti. Gli argomenti hanno un filo di positività e inquadrano nel finale uno spessore di luce.

Ci saranno vari live in giro per l’Italia, quanto è importante per voi poter suonare su un palco? Soprattutto con un disco così d’impatto?

Abbiamo già programmate 9 date, tra gennaio e marzo. Stiamo lavorando a nuove date estive. Vogliamo che il 2023 sia ricco di soddisfazioni!

a cura di
Loredana Desiato

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – SanNolo 2023. Festival della canzone a Milano
LEGGI ANCHE – I Moostroo tornano con “Male”.

Se hai letto questo articolo, potrebbe interessarti anche questo